Scopri il Nostro

Territorio

Il nostro hotel si trova in una delle località balneari più importanti di tutte le Marche,
lungo quella che è conosciuta come Riviera delle Palme.


sec1-content

Ci troviamo così di fronte a uno scenario naturale magnifico che spazia dalle morbide spiagge di San Benedetto del Tronto e di Grottammare, alla verde e dolce fascia collinare sovrastata dai Monti Sibillini in cui ogni colle, ogni vetta ha il proprio pezzo di storia, da raccontare e da farvi vivere. La Riviera delle Palme, caratterizzata dalla macchia mediterranea fatta di lecci, allori, pini marittimi, pini d’Aleppo e poi ancora tante querce, platani, olmi, gelsi che si susseguono lungo le strade e che salgono verso secolari centri abitati nei quali il tempo sembra si sia fermato: Acquaviva Picena, Monteprandone, Ripatransone, Offida, borghi ciascuno con una storia diversa e con una splendida vista panoramica sulla costa e sul mare Adriatico. San Benedetto del Tronto, in particolare, gode del lungomare più imponente d’Italia, con i suoi 30 m di larghezza. Ancora nel 1600,

questo era un piccolo borgo di pescatori e contava circa 600 abitanti. Solo l’audacia e il coraggio dei marinai hanno fatto di San Benedetto del Tronto uno dei più importanti porti pescherecci d’Italia ed uno dei più fiorenti mercati ittici nazionali. E ancora oggi la caratterizzazione peschereccia resta uno dei punti cardini della storia della città che vive di attività collegate al mare. Apprezzata anche dal punto di vista enogastronomico, chi viene nella Riviera delle Palme non può non assaggiare il famoso “brodetto”, espressione culinaria dei vecchi lupi di mare. La città di San Benedetto è infine ricca di attrazioni e locali caratteristici, sparsi nel centro, lungo la Riviera e sulle colline che abbracciano questo tratto di costa. San Benedetto del Tronto e la Riviera delle Palme: due luoghi tutti da scoprire, capaci di suscitare emozioni profonde e ricordi indelebili.


sec1-content-manager01

sec1-content-manager01

sec1-content-manager01


Luoghi da visitare - ASCOLI PICENO

A pochi chilometri dalla Riviera delle Palme, viaggiando verso l'entroterra, si giunge ad Ascoli Piceno, culla delle prime civiltà italiche, considerata una tra i più bei centri d'Italia. Il suo imponente centro storico, costruito quasi interamente in travertino, è caratterizzato da diverse torri gentilizie e campanarie, e ha la sua massima espressione in una delle più belle piazze d'Italia, Piazza del Popolo. Quest'ultima ospita alcuni degli edifici storici più importanti della città, quali il palazzo dei Capitani, il celebre Caffè Meletti e la Chiesa di San Francesco. Altro centro nevralgico della città è piazza Arringo, che insieme alle stradine ed ai vicoli di impronta medioevale, contribuiscono a caratterizzare il centro storico. Ascoli Piceno è anche un paese legato a tradizioni e folklore, come dimostra l'annuale torneo cavalleresco delle Quintana, ma anche un luogo di onorate tradizioni
Fonte:www.comuneap.gov.it/home

gastronomiche, incarnate dalla squisita oliva all'ascolana, una leccornia da stuzzicare osservando i magnifici scorci della città. Questo era un piccolo borgo di pescatori e contava circa 600 abitanti. Solo l’audacia e il coraggio dei marinai hanno fatto di San Benedetto del Tronto uno dei più importanti porti pescherecci d’Italia ed uno dei più fiorenti mercati ittici nazionali. E ancora oggi la caratterizzazione peschereccia resta uno dei punti cardini della storia della città che vive di attività collegate al mare. Apprezzata anche dal punto di vista enogastronomico, chi viene nella Riviera delle Palme non può non assaggiare il famoso “brodetto”, espressione culinaria dei vecchi lupi di mare. La città di San Benedetto è infine ricca di attrazioni e locali caratteristici, sparsi nel centro, lungo la Riviera e sulle colline che abbracciano questo tratto di costa. San Benedetto del Tronto e la Riviera delle Palme: due luoghi tutti da scoprire, capaci di suscitare emozioni profonde e ricordi indelebili.

sec1-content-manager01

sec1-content-manager01

sec1-content-manager01

MONTEPRANDONE

Nell'entroterra piceno, ci sono molti borghi da visitare, pieni di tradizioni e di eventi che animano la zona durante tutto l'anno. Monteprandone è uno di questi. È un piccolo centro, la cui storia è interamente racchiusa nel complesso francescano della Chiesa di Santa Maria delle Grazie, situato a metà tra il centro di Monteprandone e Centobuchi. Il convento francescano conserva una preziosa collezione di testi antichi raccolti dal '400 in poi, per volere di San Giacomo della Marca, che intendeva lasciarli disponibili sia ai confratelli, sia ai cittadini di Monteprandone, interessati a studiare.

Attualmente la collezione è ospitata dal Museo dei Codici, all'interno del complesso: nel corso degli anni una buona parte della collezione è stata trafugata dopo la morte del santo, ma fortunatamente i testi oggi esposti sono ancora disponibili, perchè furono nascosti, a tempo debito, nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie. In totale sono 60 i manoscritti custoditi, tra i quali si possono trovare sermoni, laudi, compendi, epistole ed opere di grandi autori come Cicerone, Seneca e Sant'Agostino. Monteprandone racchiude un piccolo tesoro storico, circondato da uno splendido panorama aperto sulle colline e sul mare.
Fonte:www.prolocomonteprandone.com

sec1-content-manager01

sec1-content-manager01

sec1-content-manager01

ACQUAVIVA PICENA

Tra i borghi più affascinanti della zona, spicca Acquaviva Picena con la sua imponente Fortezza medievale che domina la Valle del Tronto. La Fortezza degli Acquaviva è una delle rocche medievali fra le meglio conservate nel territorio marchigiano, ed attualmente ospita al suo interno una mostra di armi antiche e vari eventi durante tutto l'anno. È qui che si svolge anche la più nota manifestazione organizzata da Acquaviva Picena, ovvero Sponsalia, una rievocazione storica del banchetto nuziale di Forasteria, figlia di Rinaldo degli Acquaviva, e Rainaldo dei Brunforte, vicario di Federico II.

Durante la rievocazione, l'intero borgo si immerge completamente nel passato, ricreando l'atmosfera medievale: figuranti in costume, menestrelli, artigiani e cavalieri percorrono le strade del paese, partecipando a giochi, spettacoli e balletti. Mentre all'interno della Fortezza si procede all'organizzazione del grande banchetto nuziale che chiude la manifestazione. In estate, precisamente alla fine di luglio, passare da queste parti è una perfetta occasione per godere dello splendido panorama offerto da Acquaviva Picena e vivere per qualche giorno in un passato mai dimenticato e sempre affascinante.
Fonte:www.comuneacquavivapicena.it

sec1-content-manager01

sec1-content-manager01

sec1-content-manager01

CASTIGNANO E IL TEMPLARIA FESTIVAL

Tanti sono i borghi che si dedicano a rievocazioni storiche in grande stile. Uno di questi è Castignano. A pochi chilometri da San Benedetto del Tronto, questo piccolo borgo si trova arroccato su un colle e poggia su un imponente muraglione, che nel corso dei secoli ha cercato di rallentare il processo di erosione di un territorio caratterizzato dalla presenza di calanchi. Castignano vive della sua storia grazie al ritrovamento del più antico documento epigrafico relativo ai piceni ed alla più importante manifestazione storica organizzata annualmente. Oggi conservata nel Museo Archeologico di Ascoli Piceno, la stele di Castignano è un cippo d'arenaria alto circa un metro, che risale al VII-VI sec. a.C. Al paese sono rimaste solo le tipiche caratteristiche medievali che danno al visitatore la sensazione di passeggiare in un tempo ormai perduto.

La stessa sensazione si diffonde durante il celebre festival Templaria, giunto ormai alla quindicesima edizione, che si svolge ad agosto all'interno del centro storico. Il Templaria Festival è fatto di spettacoli teatrali, musiche, convegni, banchetti, menù medievali, botteghe d'artigianato, momenti che mettono in scena la storia dei Templari, che permea completamente il paese. Il legame tra Castignano e l'ordine dei Templari deriva dal fatto che il paese era un punto di transito commerciale, vicino alla via Salaria, una delle più importanti strade di collegamento a Roma. Pertanto la storia vuole che i cavalieri templari fossero custodi delle vie del borgo per proteggere il passaggio dei pellegrini che da Roma si dirigevano ai porti d'imbarco per la Terra Santa. Se vi affascinano le leggende sui Templari o semplicemente volete godere di uno splendido borgo, immerso nel territorio piceno, Castignano vi aspetta con tutta la sua storia.
Fonte:www.templaria.it

sec1-content-manager01

sec1-content-manager01

sec1-content-manager01

OFFIDA

Offida è stato riconosciuto ufficialmente come uno dei borghi più belli d'Italia. Sarà per il valore artistico del suo centro storico, per la sua posizione dominante sul panorama piceno oppure per la presenza di uno degli edifici religiosi più apprezzati nella regione, ma Offida indubbiamente è caratterizzata da un fascino insolito. Passeggiando per il centro storico, circondato ancora oggi dalle Mura Castellane risalenti al XII secolo, ci si trova davanti a prestigiosi edifici, vere e proprie opere d'arte. Ne è un esempi o il Palazzo Comunale, ancora oggi centro amministrativo di Offida;l'edificio ospita al suo interno anche il Teatro Serpente Aureo, una struttura realizzata in stile barocco, all'italiana,

ovvero con una disposizione della platea a ferro di cavallo. Rimodernato nel 1862, oggi è la sede di vari eventi culturali. L'altro elemento caratterizzante Offida è l'imponente Chiesa di Santa Maria della Rocca, un edificio in stile romanico-gotico circondato su tre lati da dirupi. È uno degli edifici più apprezzati e conosciuti nell'intera regione Marche sia per il suo valore religioso, che per la sua struttura architettonica. Vi consigliamo una tappa ad Offida anche d'inverno, in particolare in occasione del Carnevale, festeggiato con sfilate e con i particolari Veglionissimi al Teatro Serpente Aureo. Qui prospera anche l'artigianato con la tipica produzione del merletto a tombolo, che affonda le sue radici nelle abili mani delle donne offidane.
Fonte:www.comune.offida.ap.it

sec1-content-manager01

sec1-content-manager01

sec1-content-manager01